Stornello a pungolo

(inf. SILVANO CINOTTI “LALLI”)

NEL CIELO C’E’ UNA STELLA INARGENTATA
A LUNA PIENA TI BACIAI MIA BRUNA
OGGI DA UN ALTRO AMORE SEI BACIATA
LA DONNA CAMBIA COL CAMBIAR DI LUNA

VOLA STORNELLO A PUNGOLO,
VOLA STANOTTE E DIGLIELO
MENTRE LEI DORME LASSU’
ZITTO ZITTO ZITTO COSI’
DIGLI TUTTO CIO’ CHE VUOI TU

TU PASSI SPUMEGGIANTE COME L’ONDA
E DELL’AMOR NON TEMI IL PRECIPIZIO
ERI UNA VOLTA BRUNA ED OR SEI BIONDA
IL LUPO PERDE IL PELO NON IL VIZIO

VOLA STORNELLO A PUNGOLO,
VOLA STANOTTE E DIGLIELO
MENTRE LEI DORME LASSU’
ZITTO ZITTO ZITTO COSI’
DIGLI TUTTO CIO’ CHE VUOI TU

CHI DALLA STRADA VECCHIA
VA ALLA NUOVA
SPESSO SI PERDE E TU TI PERDERAI
MA SE TORNASSI TI DAREI LA PROVA
CHE IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI….

VOLA STORNELLO A PUNGOLO,
VOLA STANOTTE E DIGLIELO
MENTRE LEI DORME LASSU’
ZITTO ZITTO ZITTO COSI’
DIGLI TUTTO CIO’ CHE VUOI TU

VOLA STORNELLO……..
BIRBANTELLO…..
VOLA STORNELLO….
VOLA E NON PUNGER PIU’…..

la Sibilla

(CAVAL MORELLA)
SON STATO ALLA MONTAGNA
ALLA SIBILLA
DOVE LA NEVE
NON SI SCIOGLIE MAI (2V)

E C’HO TROVATO
LA CAVAL MORELLA
NON E’ DOMATA
E NON SI FA DOMARE (2V)

MA SE GLI ARRIVO
A METTE’ BRIGLIA E SELLA
LE SERENATE
GLIELE FO PAGARE (2V)

C’ AVEVO UN CAVALLINO
BRIZZOLATO
CONTAVA I PASSI CHE
FACEA LA LUNA (2V)

SON STATO A FA’ L’AMORE
CON TRE ZOPPE
E A TUTTE E TRE
GLIEL’HO
IMPARATA L’ARTE (2V)

UNA L’HO MESSA A FILA
UNA A TESSE
E UNA LA TENGO
PE’ DORMI’ LA NOTTE (2V)

C’AVEO UNA MORETTINA
M’HA LASCIATO
SI VEDE CHE IN AMOR
NON HO FORTUNA (2V)

E QUANDO MUOIO IO
MUOIO DAVVERO
SUL CARRO CE LI VOGLIO
I NASTRI D’ORO (2V)

E QUANDO MUOIO IO
MUOIO DAVVERO
E VOGLIO IL MEGLIO POSTO
AL CIMITERO (2V)
E QUANDO MUOIO IO
MUOIONO TUTTI
MUOIONO PRETI E FRATI
BELLI E BRUTTI (2V)

Vien la primavera

VIEN LA PRIMAVERA,
FIORISCONO I MIEI FIORI
CHI NON LAVORA
SON TUTTI SFRUTTATORI
CIELO MARE E TERRA
CHE CI APPARTIENE A TUTTI
SU COMPAR CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’

VIENE L’ESTATE
E SI RACCOGLIE IL GRANO
CHI HA LAVORATO
HA LAVORATO INVANO
CIELO MARE E TERRA
CHE CI APPARTIENE A TUTTI
SU COMPAR CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’

VIENE L’AUTUNNO
E SI RACCOGLIE L’UVA
IL NOBILE BEVE IL VINO
NOI SI BEVE L’ACQUA PURA
CIELO MARE E TERRA
CHE CI APPARTIENE A TUTTI
SU COMPAR CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’

VIENE L’INVERNO
COMINCIA A NEVICARE
IL NOBILE IN POLTRONA
E NOI QUI A LAVORARE
CIELO MARE E TERRA
CHE CI APPARTIENE A TUTTI
SU COMPAR CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’
CHE LIBERI SIAM GIA’

Maggio di Gualdo Tadino

AL PRINCIPIO DEL MIO CANTO
E’ NEL NOME DI MARIA
E DELLO SPIRITO SANTO
CHE CI DIA BUONA ARMONIA
CHE CI DIA FORZA E CORAGGIO
PER POTERLO CANTAR MAGGIO

ECCO MAGGIO E BENVENUTO
PURE CUCCO L’HA SAPUTO
L’HA SAPUTO GIU’ NEL PIANO
‘NDO CHE SPIGA L’ORZO E IL GRANO
‘NDO CHE SPIGA L’ORZARELLA
ECCO MAGGIO BAMBINA BELLA

RAGAZZETTE POMPOSELLE
CHE ALLA FESTA VE NE ANDATE
VI METTETE LE SOTTANELLE
DI TRE SORTE RICAMATE
DI TRE SORTE DI TRE COLORE
ECCO MAGGIO ROSE E FIORE

ECCO MAGGIO E BENVENUTO
SON TRE DI’ CHE L’HO SAPUTO
L’HO SAPUTO SU PEL MONTE
‘NDO CHE C’E’ UNA BELLA FONTE
‘NDO CHE C’E’ UNA FONTANELLA
ECCO MAGGIO BAMBINA BELLA

LE ZITELLE A DUE A DUE
SE NE VAN PER LA FORESTA
SE NE VANNO A COGLIER FIORI
A PORTAR GHIRLANDE IN TESTA
PER PORTARLE AGLI AMATORI
ECCO MAGGIO ROSE E FIORI

ECCO MAGGIO COME VI HO DETTO
PORTERANNO IL PANE TONDO
PANE TONDO AD UN BANCHETTO
SI RIPOSA TUTTO IL GIORNO
SI RIPOSA SU UN BEL PRATO
ECCO MAGGIO E’ RITORNATO

DISSE IL NONNO GRAN TALENTO
CHE SAPEVA BEN PENSARE
SE VUOI VIVERE CONTENTO
ECCO QUEL CHE DEVI FARE
PER CAMPARE E STARE BENE
PRENDI IL MONDO COME VIENE

SE TI PIACE IL MIO CANTARE
VIENI BELLA ALLA FINESTRA
ECCO PASSA IL MAGGIO BELLO
CHE TI CANTA UNO STORNELLO
UNO STORNELLO PER AMORE
ECCO MAGGIO ROSE E FIORE

SIAMO SETTE MAGGIAIOLI
TUTTI E SETTE BON FIGLIOLI
E SE VINO NON AVETE
CI MORIMO DALLA SETE
E SE NON AVETE PANE
CI MORIMO DALLA FAME

SE CI DATE ANCHE UN PROSCIUTTO
PURE QUELLO LO PIGLIAMO
C’E’ UN COMPAGNO TANTO GHIOTTO
SE LO MANGEREBBE TUTTO
E VI DICO CHI E’ QUELLO
QUEL CHE PORTA IL CANESTRELLO
ECCO CESSA IL NOSTRO CANTO
E’ QUI GIUNTO IL PARADISO
E CON LACRIME DI PIANTO
SI CONFONDE GIOIA E RISO
E CON FESTA ED ARGOMENTO
CAMBIO SONO E DI STRUMENTO….

Le temps des cerises

JEAN BAPTISTE CLEMENT (1837-1903)  – Adatt. Italiano Ferrari -Gargini

Quando coglierem ciliegie invitanti
l’allegro usignolo e il merlo festanti
voleranno insieme .
Leggiadra armonia alle belle
e innamorati col sole nel cuor .
Quando canterem l’eta’ del sorriso
vedremo i bei frutti e i fiori sbocciar.

Son brevi pero’ quei giorni cosi’
insieme a sognar guardando i color
ornare i capelli.
Frutti d’amore che foglie
raccolgono a gocce di sangue e candor .
Son brevi quei di’ col sole lassu’
che riscalda il cuor con lieto calor.

Pensate pero’ a quella stagion
e se c’e’ timor dei rimpianti d’amor
fuggite le belle.
Io non ho timor di avere
crudeli dolor ….son pronto a soffrir.
Pensate che se vivremo l’onor
dovremo contar le pene….d’amor

J’aimerai toujours le temps des cerises :
C’est de ce temps-là que je garde au coeur
Une plaie ouverte,
Et dame Fortune, en m’étant offerte,
Ne saurait jamais calmer ma douleur.
J’aimerai toujours le temps des cerises
Et le souvenir que je garde au coeur.

QUESTO CANTO E’ IL PATRIMONIO COMUNE DI TUTTI I FRANCESI ANCOR OGGI.

NESSUNA CONTRADDIZIONE TRA CAMBIAMENTO RIVOLUZIONARIO E AMORE.
TENERO INNO ALLA DEA AMORE, PIU’POETICO DI TANTI ALTRI CANTI.

SCRITTO OLTRE 150 ANNI FA (1867) E PER LA SUA ETA’ NON E’ AFFATTO BANALE O SCONTATO.
ADOTTATA DAI COMUNARDI: LA COMUNE DI PARIGI 1870 QUANDO, PER DIRLA ALLA CARLO MARX ”IL PROLETARIATO (GLI OPERAI) INIZIARONO LA SCALATA AL CIELO”

L’aringa in giubba lunga

(inf. Vinicio Betti)

E l’aringa e l’aringa
in giubba lunga
passeggiava,
passeggiava pel paese
a cantar la Tirolese
in onore,
in onor di Belzebù – 2 volte.

La ghiandaie,
le ghiandaie con la zappa
fabbricavan,fabbricavano i giornali
e gli allocchi con gli occhiali
vi leggevan,
vi leggean le novità 2 volte

Là sul mare,
la’ sul mar dei Dardanelli
c’è la pesca,
c’è la pesca degli uccelli
e sui rigidi Appennini
si sementa,
si sementa il Baccalà – 2 volte

L’elefante,
l’elefante in guanti gialli
a braccetto,
a braccetto alla zanzara
se ne stavano per aria
per ben fare,
per ben far la digestion – 2 volte

Maremma

(tradizionale)

Tutti mi dicon
Maremma Maremma
E a me me pare
Una Maremma amara

L’uccello che ci va’
Perde la penna
Io c’ho perduto
Una persona cara

Chi va in Maremma
E lascia l’acqua fresca
Perde la dama e piu’
non la ripesca

Chi va in Maremma
E lascia l’acqua bona
Perde la dama e piu’
Non la ritrova

Sia maledetta
Maremma Maremma
Sia Maledetta
Maremma e chi l’ama

Sempre mi piange il cuor
Quando ci vai
Dalla paura che
Non torni mai…..

l’Inserenata

(inf. Menica Ferrari)

Semo venuti a fa’ l’inserenata
Padron di casa se contento siete
So che c’avete una figlia garbata
Dentro le quattro mura la tenete

Ma se per sorte fosse
Addormentata
Fatele un fischio
Che la scionnerete

Diteli che l’e’ parso
Un de’ suo’ amori
La viene a salutar
Con canti e suoni

Diteli che l’e’ parso
Un de’ suo’ amanti
La viene a salutar
Con suoni e canti

SONETTO DI RISPETTO

(parlato)

Io ti vorrei vede’
Nel mio giardino
E vederti sbocciar come una rosa
E ti darei volentieri
Un bacino
Se sei contenta
Ti faro’ mia sposa

Se sei contenta…
Dimmi la verita’
Non mi venir bugiarda
Senno’ cosi’ non va

E la mia mana
Sfiora i tuoi capelli
E la tua fronte la vedro’
Arrossire
Per noi quelli saran
Giorni piu’ belli
Sara’ una contentezza
Da gioire

Se sei contenta
Dimmi la verita’
Non mi venir bugiarda
Senno’ cosi’ non va….

Dai dai dai,senza soldi tu lo sai
non si fa niente
ma nemmeno una cosa
impertinente….
Amore…che me lo dai
un sollievo al cuore
e tu mi fai tornare in mente
che tu sei stato
il mio primo amore….
Fior di finocchio
e poi fior di finocchio
val piu’ una parolina
in t’un’orecchio…
val piu’ una parolina
in t’un’orecchio
che centomila
strizzatine d’occhio

(cantato)

Diteli che l’e’ parso
Un de’ suo’ amori
La viene a salutar
Con canti e suoni

Diteli che l’e’ parso
Un de’ suo’ amanti
La viene a salutar
Con suoni e canti

Maggio di Vico Pancellorum

(inf. Eliana Dell’Innocenti)

Siamo venuti
per cantare il Maggio
e la licenza si vole la prima
e la licenza si vole la prima.
In questo posto
io non c’ho mai cantato
ma se ci canto
ci voglio benedire.
Vo’ benedi’
Le mani a quel maestro
Che ha fabbricato
questo bel palazzo
Che ha fabbricato
Questo bel palazzo
Vo’ benedi’
Di dentro e poi di fora
Voglio baciar
Le mani alla signora
Voglio baciar
Le mani alla signora

E quando a Maggio
fiorisce l’ortica
se c’è de’ bimbi
Dio li benedica.
se c’è de’ bimbi
Dio li benedica

e quando a Maggio
rifiorisce il fieno
in questo posto
ci ritorneremo
in questo posto
ci ritorneremo